Una auto gratis con Spot & go? Come funziona?

Recentemente vicino a casa mia è apparsa una Fiat 500 bianca, con i loghi Spot&go su tutte le fiancata. Per qualche giorno ho pensato che fosse un nuovo tipo di carsharing, poi vedendo più vicino, ho visto il sito: autoacostozero.it. Allora… è pagata dalla pubblicità?

Visito il sito e la cosa mi pare geniale: te compri un’auto nuova (presso i concessionari convenzionati?), purché sia bianca, e Spot&go si impegna di restituirti ogni mese fino a 350 euro, ovvero ti ripagano il prestito ogni mese e hai la macchina gratis.

Wow!! Immediatamente ho iniziato a sognare, finalmente posso rottamare il catorcio che uso per andare a lavorare ogni giorno, ed essere pagato per farlo???

Leggo meglio come funziona:

  1. Bisogna pagare 1400 euro di spese di istruttoria (quindi bisogna usare la loro finanziaria convenzionata? Con che tassi di interesse?)
  2. La macchina costa 5000 euro in più rispetto al valore di mercato, per il costo del wrapping pubblicitario, ma comunque sembra cosa da nulla perché il tutto viene spalmato nelle rate della macchina

Per una macchina gratis non sembrano limitazioni gravi, no? Alla fine ti rimborsano tutto, no?

L’autore del blog “Vendite piramidali” ha fatto un lavoro investigativo eccellente su una società con motus operandi molto simile. Leggete qua: https://venditepiramidali.wordpress.com/2017/05/04/auto-no-cost-di-vantage-group-e-una-truffa/

Ecco qua cosa c’è che non va in Spot&go:

  1.  La rata mensile viene rimborsata dalla pubblicità applicata sulla macchina, ma se si va a vedere su Instagram, all’hashtag #mondoacostozero, dove tutti i membri devono postare una foto della loro auto almeno due volte a settimana, si nota che pochissime auto hanno una pubblicità applicata. Non ci sono inserzionisti!
  2. Sempre riguardo alle auto senza sponsor, se vi ricordate, all’atto dell’iscrizione bisogna pagare anticipatamente 5000 euro per i costi del “wrapping auto”, calcolati in circa 80 euro per ogni “wrapping”, da applicare ogni mese. Ma se non c’è nessuno sponsor? I soldi per l’adesivo mai applicato che fine fanno?
  3. Tra quelle foto, ogni tanto si nota un’auto con sponsor effettivo: ma non è un wrapping, è una banale scritta intagliata! Questa foto che ho trovato su Pixabay invece mostra un wrapping:

Questo è un wrapping! Una personalizzazione estrema della macchina che costa centinaia di euro! Una cosa che attira l’attenzione dei passanti! Se fosse fatto così potrei capire bene i 5000 euro che chiedono, ma per delle lettere intagliate sul vinile nero?? Il costo è di pochi euro! (Verificate da voi il prezzo degli adesivi in vinile su Attacca.li)

4. Inoltre; se foste un inserzionista: preferireste sponsorizzare un Taxi che viene visto ogni giorno da migliaia di persone, con un adesivo colorato che prende tutta la fiancata, oppure, a parità di prezzo (costa uguale se non di più!!!), una scritta in nero, anonima, su un’auto che magari sta parcheggiata in un garage privato tutto il giorno eccetto per fare la spesa??

5. Purtroppo, per il codice della strada, è illegale andare a giro con una macchina sponsorizzata da terzi. Non conosco i dettagli di Spot&go, ma gli altri hanno “risolto” facendo un contratto da venditore al guidatore. Nel caso in cui uno venga firmato, basterebbe mostrare il contratto di lavoro come venditore e dire che l’auto serve per lavoro. Magari se l’auto quel mese non ha sponsor la polizia può lasciare correre, ma se magari avete gli adesivi di “Pizzeria Giovanni”, allora preparatevi a pagare una multa che parte da 400 euro

6. Non conosco i dettagli di Spot&go, ma per le ditte simili, il rimborso viene emesso come pagamento dell’attività di venditore. Quindi: se pagate 350 euro di rata auto, vi rimborsano 350 euro. Lordi, da tassare come reddito da venditore. Quindi diminuiscono.

7. Infine, se gli sponsor non ci sono, chi paga le macchine? Si sospetta che l’operazione stia in piedi solo grazie ai 5000 euro di “wrapping” pagati anticipatamente dai nuovi entrati. Adesso Spot&go paga regolarmente, ma che succede se falliscono? Sono una SRL con capitale sociale di 30mila euro, al massimo possono ripagare un’auto sola in tutta italia! Con 350 euro di rimborso al mese, c’è da sperare che vadano avanti con i rimborsi per almeno 15 mesi, solo per essere ripagati del “costo wrapping”

In conclusione, se non avete intenzione di comprare un’auto nuova e/o non ve la potete permettere, lasciate stare. Sul blog “Vendite Piramidali” ho visto persone che malgrado non si potevano permettere un’auto nuova, ne hanno prese due “tanto paga no cost”, e ora che “no cost” è in difficoltà e non rimborsa, chi rimane con 700 euro di rate da pagare con uno stipendio da 800?

Se invece pensate che sia un’idea che possa durare almeno 2-3 anni, e comunque state per comprare un’auto nuova, allora è una buona idea. Nel caso in cui sparissero tra 2 anni, almeno sareste ritornati in possesso dell’investimento iniziale, e l’auto è comunque di vostra proprietà… staccate gli adesivi e fine… anche se vi hanno “obbligato” a sceglierla di un banalissimo colore bianco, cosa che svaluta un po’ il prezzo della rivendita secondo me.


FEClix non paga

Beh, ho aspettato troppo, posso ufficialmente dichiarare che FEClix NON paga. Ho aspettato 220 giorni dalla richiesta di prelievo. Loro dicono che “per sicurezza contro le frodi” bisogna aspettare 20-25 giorni lavorativi. I ticket e le email sono ignorate, il forum non funziona (forse solo a me? Sono bannato?).

Mi devono qualcosa tipo 8 euro.

E con questo finisce la mia avventura nei siti che “ti offrono una birra”, LOL

Lo sapevo fin dall’inizio che tanto non mi avrebbero pagato, per questi motivi:

  1. tutti i referral affittati fanno lo stesso numero di azioni ,tutti  i giorni. Intendo, ESATTAMENTE. Prendi 100 persone a caso, come fai ad avere una media ESATTA di 1,608 azioni al giorno, per ognuno di loro??? Ma nemmeno se ti metti d’accordo!!! Questa è la prova principale che tutti i referral sono simulati da un bot.
  2. Il 90% delle azioni erano del genere “votaci su questa top10”, oppure “visita il nostro forum” – chi paga questo?? Nessuno! Soldi finti.
  3. La gestione è latitante, non si mostra mai. Dopo 6 mesi continuano ad esserci banner che dicono “se fai un deposito entro [6 mesi fa], ti diamo un bonus”. Ma cosa ci vuole a fare un login ogni 2 mesi e aggiornare la data ogni tanto??? Anche le domande di potenziali clienti paganti tipo “come faccio a versare soldi per le campagne pubblicitarie”, vengono ignorate.

In conclusione, questi siti sono tutte perdite di tempo. Se leggete a giro “Neobux pagaaa!!!11”, è un trucco per spingervi a farvi iscrivere e a guadagnare sul vostro tempo perso.

Conviene fidarsi di un venditore?

Riguardo a quel problema che ho avuto su AliExpress, il venditore mi ha contattato privatamente dicendo “nessun problema, ti rimborso al 100%, a condizione che tu cambi un piccolo particolare nella disputa su oggetto diverso da quello descritto”.

Il piccolo particolare consiste nel cambiare la motivazione della disputa: bisogna dire che voglio il rimborso al 100% perché il colore dell’oggetto non mi piace.

Ovviamente, con una motivazione del genere, è garantito che AliExpress dia ragione al venditore.

Se cambio la motivazione, sicuramente non otterrò alcun rimborso da AliExpress, tutto rimane in mano al venditore e alla sua buona volontà: se fino ad adesso diceva “non ti rimborso perché se fai lo zoom sulla terza immagine della descrizione, si vede che il connettore non è di tipo USB”, ora dice “se ritiri la denuncia in modo che tu non possa più effettuarne un’altra”, ti rendo tutto al 100%.

C’è da fidarsi?

Un 10% dentro di me mi dice di fidarmi, in fondo son poco meno di 3 dollari…

Aggiornamento: non mi sono fidato ed ho avuto il rimborso completo

Sono stato truffato su Aliexpress

Sono stato appena truffato, per la prima volta, su Aliexpress.

Ho ordinato un adattatore la cui descrizione diceva “USB”, mentre quando ho aperto la scatola, era un connettore proprietario.

Potete immaginare il mio disappunto, non per la perdita monetaria (meno di 3 dollari), ma per il tempo perso, ho atteso più di 75 giorni per averlo dalla Cina (maledetta dogana italiana, leeeeeeeenta da morire)

Ora, per una questione di principio, chiederò rimborso completo tramite Alipay, vediamo se me lo concedono….

Evitate Cryptsy come la peste

Dopo un po’ di tempo sono ritornato su Cryptsy per vedere che cos’era successo. I vertcoin che avevo minato all’inizio, che valevano 20 centesimi, erano saliti fino a 60 euro e che non avevo venduto “tanto secondo me salgono”, adesso valgono 2 euro, peccato.
Vabbé, comunque li avevo minati in una giornata, quindi non ci ho rimesso.
Il problema principale è che quando sono andato a prelevare… mancavano diversi bitcoin all’appello. Mi sembrava di avere una ventina di euro, ma andando a prelevare ce ne sono solo 2! Com’è possibile?!?
Vado a vedere tra i prelievi e ce n’è uno in data 20 aprile, verso l’indirizzo b928d5c7a81a40713407d40a8bf1e92ded1a59d1. (indirizzo non esistente)
Possibile??? Non mi è arrivata alcuna mail di prelievo!!
Contatto l’assistenza e mi viene detto:

your coins have been moved to a cold storage wallet for better security

(I tuoi bitcoins sono stati spostati in un portafoglio secondario per sicurezza)

Per sicurezza???? Senza avvisare?? Questo è un furto! Se, con la scusa della sicurezza, si appropriano di 20 euro, per migliaia di utenti sono un bel gruzzoletto!!!

Ora bisogna vedere se i bitcoin mi saranno accreditati nuovamente (ho fatto richiesta al supporto qualche ora fa, ma ancora nulla…) oppure se rimarranno nel loro portafoglio “di sicurezza”