La terza settimana inutile di fila

Anche questa settimana si è risolta in parità.
Ap-zulu ha iniziato con un bel botto, ma il giorno dopo ha perso il doppio di quello che aveva guadagnato. Gradualmente gli altri provider hanno risollevato la situazione. Rimangono però in sospeso due posizioni di Ap-zulu in perdita durante il weekend. Che succederà lunedì?
Senza contare che adesso inizia il periodo natalizio, con bassi volumi di scambio… (e quindi sarebbe meglio non scambiare)
Meno male che ho diffidato della strategia di ap-zulu (ovvero: continua a scommettere sulla posizione perdente finchè non risale… può portare a perdite colossali se non al prosciugamento totale del conto!) e quindi permettendo solo due posizioni alla volta ho limitato il danno.

Un’altra settimana inutile

Anche questa settimana è stata inutile.
Dopo un buon inizio di settimana, Littlestar ha comprato dollari contro tendenza. Io, per paura, dato che tutti i segnali davano il trend contrario, li ho chiusi manualmente (facendo male, perché poi sarebbero finiti in vantaggio), perdendo 40 euro. Per fortuna gli altri segnali hanno avuto un buon rendimento e quindi la settimana non è finita in perdita.

Il primo mese è finito bene

La quarta settimana è andata discretamente bene, se si esclude che, a causa dello spread tra AAAFx e FXDD, tutti i miei segnali in reverse invece di generare 10 euro di profitti, ne hanno persi 30.
Per ora ho disabilitato tutti i segnali che usano FXDD, probabilmente aprirò un’altro account con FXDD per diminuire lo slippage e i danni che lo spread può eseguire sugli ordini.

Il grafico è comunque positivo perché non ho ancora chiuso le famigerate posizioni rimaste aperte per errore… spero in un recupero, altrimenti le chiudo per minimizzare le perdite.

Le operazioni in reverse vanno monitorate

Ho trovato un bel segnale basato su un Expert Advisor “buggato” per MetaTrader 4 che crea ordini che risultano fallimentari il 93% delle volte, con uno stop loss molto vicino e un take profit molto lontano.
ZuluTrade ha un’opzione per invertire le operazioni, e in questo caso è straordinario. Il 7% di probabilità di perdita con un take profit molto vicino può essere un’idea vantaggiosa.

Sfortunatamente, come ho scoperto or ora, lo spread tra i tassi di compravendita, non mi hanno fatto incontrare il punto di take profit, dandomi una perdita di 40 pips invece del profitto di 15. E il bello è che ero lì quando l’ho notato: era a +13, ma ho voluto fare l’ingordo e prendere i due pip extra senza chiudere la posizione manualmente.

Chi fa da sé fa per tre

Venerdì scorso mi ero preoccupato di un acquisto di sei microlotti di eur/usd. Pessima scelta, dato che il trend era contrario…

Per fortuna lunedì mattina il trend è sceso, andando quasi in pari. Non ho perso l’occasione ed ho subito modificato i valori di take profit per le tre posizioni. Anche se avrei potuto finire a +48 pip (circa 7 euro), ho visto la situazione un po’ troppo altalenante; sono andato sul sicuro ed ho messo valori crescenti, finendo a 35 pip (circa 5 euro).

Se non avessi chiuso le posizioni manualmente, il segnale le avrebbe chiuse a 7 pip l’una. Rischiare di perdere 80 euro per guadagnarne 5, mica male…